Progetto C&C – La creatività è il segreto del non-spreco


La cultura delle Donne per una Coltura Ecosostenibile

Progetto C&C – Educazione e Contrasto allo Spreco Alimentare

La creatività è il segreto del non-spreco

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=tYTwMZgF3m8&w=730&rel=0]

 

Il Soroptimist Club di Modena ha sponsorizzato Alice Nicolini, ex studentessa del Liceo Classico L.A.Muratori, ora in America per seguire La Laurea in Cinematografia alla New York Film Accademy di Los Angeles, per realizzare un video da promuovere tra gli studenti delle scuole secondarie inferiori, che affrontano lo studio dell’ Educazione Alimentare e devono sviluppare le competenze di cittadinanza indispensabili per il vivere civile.

Il video , che è stato presentato il 6 maggio 2017, al 13° Incontro di rete C&C, organizzato dal Soroptimist club di Modena,  unisce il tema del valore del cibo all’ insegnamento del “Non spreco Alimentare”

Il video propone nella prima parte tre brevi sequenze che mostrano esempi di spreco di oggetti che corrispondono a beni in cui si identifica la nostra Societa’ : 1) un cellulare, simbolo della Comunicazione e dei Social 2) monete, immagine della economicita’ del vivere contemporaneo 3) un rossetto, che corrisponde al culto della bellezza, oggetti preziosi,   status symbol che vengono buttati.

In seguito il filmato, induce a considerare quanto non sarebbe risultato strano vedere buttare pane, acqua, e frutta, poi a sorpresa, con sequenze surreali, trasforma i generi alimentari necessari nei beni preziosi che sono stati buttati all’ inizio.

Cosi’ il pane diventa un cellulare, che non si puo’ mangiare, sulla testa del ragazzo che pratica footing non cade acqua fresca ma piovono monetine e nel frullatore, al posto della banana, cade un rossetto.

L’ ultima parte del video valorizza la Creativita’, che porta a riutilizzare oggetti trasformandoli con semplicità e proietta la stessa attitudine in cucina , infatti il pane vecchio puo’ servire per fare una buona torta.

Alla fine c’e’ un appello veloce a condividere il messaggio e tutte le eta’ sono coinvolte nell’ imperativo etico.

Il video utilizza attori con fisionomie comuni, una buona base musicale, punta sull’ effetto delle scene surreali, come strumento per attirare lo spettatore e fare riflettere.

La Creatività che salva, appartiene ai bambini e ad una figura di donna anziana, la nonna, perche’ la tradizione e la capacità di trasformare il reale sono un patrimonio di chi ha acquisito esperienza e di chi attiva la fantasia.

Gli studenti delle scuole secondarie inferiori , aiutati da frasi di commento, possono interpretare il messaggio, che arriva con i modi del video: Velocità e Coinvolgimento.

Le metafore utilizzate sono alla portata degli adolescenti e ricalcano lo stile delle pubblicità di oggi.