Chi siamo


Logo del Soroptimist Club InternationalIl Soroptimist Club di Modena

Il Club di Modena è formato da 64 socie. Tra di noi ci sono medici, giornaliste, industriali, un notaio, un avvocato, una psicologa, docenti universitari e professori di Scuola Media, imprenditrici agricole, esperte d’arte e periti, consulenti marketing , responsabili delle comunicazioni, un veterinario, una commercialista, titolari di ditte o di negozi di abbigliamento, architetti, responsabili commerciali di aziende che operano in svariati rami…e altro ancora. L’età delle socie varia dai trenta agli ottanta anni.

Ci troviamo in generale il mercoledì sera, una volta ogni 15 giorni.

I nostri scopi

Ci adoperiamo per promuovere il rispetto dei diritti umani, della donna e del bambino in particolare, la solidarietà, la volontà di comprendere e di servire. Cerchiamo di interessarci senza retorica dei problemi veri, anche se “difficili”, della società che ci circonda; siamo pronte ad avvicinarci a situazioni di grave disagio, superando gli inevitabili preconcetti. Testimoniamo con i fatti la convinzione che in una società come la nostra la conoscenza dell’altro, la comprensione ed il dialogo sono gli unici strumenti che ci possono permettere una pacifica convivenza. Collaboriamo con le istituzioni, mettendo a disposizione le nostre competenze ed eventualmente i nostri fondi per portare a termine iniziative di particolare interesse. Attente ai problemi dell’ambiente, della cultura e della salvaguardia del patrimonio artistico, contribuiamo alla tutela ad al restauro dei beni artistici della nostra provincia.

La nostra storia

Il Soroptimist Club di Modena fu fondato nel 1960 da un gruppo di 16 amiche che (come scrisse più tardi la Prima Presidente Gabriella Taparelli Mattioli) condividevano lo stesso entusiasmo, l’esigenza di dare, il bisogno di solidarietà.

In quegli anni, Modena era ancora una cittadina provinciale, la cui economia iniziava appena a convertirsi da agricola ad industriale, ed il contributo della donna lavoratrice non era comunemente riconosciuto come essenziale. Il Soroptimist si adoperò in quegli anni per far crescere la stima nelle donne professionalmente impegnate, ma anche attente ai mutamenti della società.

Da allora fino ad oggi, a più di quaranta anni di distanza, ci sono delle tematiche costanti che hanno accompagnato le attività del nostro Club: dedichiamo grande attenzione ai problemi delle donne e dell’infanzia, alla salvaguardia dell’ambiente e della salute, alla tutela del patrimonio artistico della nostra città; desideriamo ascoltare e conoscere realtà culturali diverse dalla nostra; cerchiamo di essere aggiornate sui cambiamenti economici e sociali; sosteniamo iniziative umanitarie nei paesi del terzo mondo. Cerchiamo di lavorare in sinergia con le istituzioni, là dove con il nostro intervento possiamo supplire ad alcune carenze.